Il primo gennaio aLabs è nato, con il suo sito, il suo blog e tante aspirazioni, ma cos’è realmente aLabs?
Beh, l’intento è quello di creare un team tecnologico web-based.

“Che paroloni…” direte voi..
Sì, in effetti sembrano termini per riempirsi la bocca, ma cercherò di scendere più nel dettaglio.
Per team tecnologico web-based intendo una squadra di persone che conoscano bene le tecnologie web presenti e che siano appassionate al settore informatico.

E’ realmente necessario creare un team del genere?

L’idea nasce dal fatto che in Italia, il settore web esiste, ma poche persone ne sanno realmente.
Il web italiano, prende spunto da quello estero, per poi sfociare in una creatività abbinata totalmente a caso, senza studi o progetti.

Valutiamo, ad esempio, il costo di un sito internet: quanti di voi sanno realmente definirne il costo?
E’ una cosa molto difficile, le aziende produttrici, variano il prezzo a seconda dell’azienda cliente.
Se il cliente è grosso (in termini economici), allora il sito avrà un prezzo alto, nel caso contrario, il prezzo sarà basso.
Ovviamente bisogna tener conto che un cliente grosso, necessita anche di supporto maggiore, ma un prodotto non può aumentare il suo prezzo di circa 20 volte il prezzo iniziale.

Per questo aLabs vuole si essere produttore, ma anche consulente.. anzi soprattutto consulente!
Vuole fare ricerca, scoprire nuovi utilizzi per tecnologie passate e imparare tecnologie nuove per restare al passo con i tempi.

Perchè parli di web agency se poi in realtà non lo è?

Avete ragione, associare aLabs ad una web agency è riduttivo.
Parlando con un amico sono venute fuori idee interessanti per il futuro di aLabs, non vi anticipo nulla, ma vedrete che se aLabs riuscirà a partire, il mondo del web cambierà radicalmente.

Alla prossima.
Mattia Accornero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *